OSTEOPATIA

Osteopata Massimo Miliacca: da 30 anni un punto di riferimento per l’Osteopatia a Savona e in Valbormida

Lo Studio Miliacca è strutturato per affrontare situazioni di tipo acuto, con sedute riabilitative praticate in URGENZA, calibrate sul singolo paziente.

Contattaci per fissare un appuntamento

Tel.  (+39) 338 5702540

L’osteopatia è una Medicina manuale riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità O.M.S.  

Fondata sulle conoscenze della Medicina tradizionale, utilizza tecniche manuali non dolorose e non invasive, per la cura di patologie e disfunzioni dell’apparato osteoarticolare, neuromuscolare, viscerale e nel sistema cranio-sacrale.

L’osteopatia osserva il paziente nella sua globalità, mediante un approccio mirato alla comprensione delle cause che hanno determinato la patologia.

L’obiettivo principale dell’osteopata è comprendere e curare i disturbi acuti, come anche i disturbi cronici che, col passare del tempo, hanno determinato la patologia che affligge il paziente.

La prima visita 

Durante la prima visita, l’osteopata procede ad un’accurata anamnesi del paziente e ad una approfondita valutazione biomeccanica, integrando – qualora si rendano necessari e in accordo con il medico di fiducia – ulteriori approfondimenti diagnostici ritenuti utili per inquadrare al meglio le patologie del paziente.

La valutazione osteopatica segue un rigoroso metodo clinico con l’obiettivo di identificare le cause che hanno determinato la comparsa del dolore o del disturbo posturale nel paziente.

Osteopata: cosa cura 

L’osteopata interviene su pazienti di ogni età: dal neonato, al giovane, allo sportivo, alla donna in gravidanza, all’anziano.

È possibile suddividere l’approccio osteopatico in 3 ambiti principali.

"

Osteoarticolare

O STRUTTURALE

Attraverso specifiche e calibrate manovre manipolative mirate alle articolazioni, ai muscoli, al tessuto fasciale-connettivale e ai legamenti articolari, assolutamente non dolorose, l’osteopata può curare con grande efficacia tutte le tipologie di disfunzione biomeccanica dell’apparato locomotore.

Trattamento indicato in presenza delle seguenti patologie:

  • ernie discali, sciatalgie, lombalgie
  • cervicalgie, dorsalgie, discopatie
  • disturbi posturali, scoliosi, artrosi
  • tendiniti, distorsioni e sublussazioni articolari
  • traumi sportivi

viscerale

Le manipolazioni viscerali curano le disfunzioni degli organi interni dovute ad una ristretta mobilità, causata da problemi del sistema muscolo-scheletrico oppure come esito di malattie pregresse, o recenti, a carico dell’organo, e in esiti cicatriziali post-chirurgici.

Trattamento indicato in caso di:

  • ipo e ipertensione, stipsi, colite, gastrite, ernia iatale
  • esiti di broncopolmoniti, esiti cicatriziali da chirurgia
  • disturbi ginecologici e del perineo
  • tecniche specifiche mirate alla donna in gravidanza
  • disturbi della sfera urogenitale maschile

    Cranio sacrale

    Il sistema cranio-sacrale prende nome dalle ossa che, insieme alle vertebre, circondano il sistema nervoso, ovvero le ossa del cranio e l’osso sacro. Il cervello e il midollo spinale sono ricoperti da membrane protettive che formano intorno ad essi una sorta di involucro unico, in cui circola il liquido cerebrospinale. Prodotto e riassorbito all’interno della scatola cranica, il liquido cerebrospinale (Liquor) genera un ritmo che si propaga in tutto il corpo come un movimento leggerissimo, sia in corrispondenza delle varie ossa del cranio e lungo tutta la colonna vertebrale fino all’osso sacro, sia nelle parti periferiche del corpo attraverso la fascia connettivale. Questo ritmo, definito “Ritmo Cranio-Sacrale”, garantisce la corretta e costante nutrizione del cervello, l’organo deputato al mantenimento degli equilibri fisiologici e psicologici nell’essere umano, e appare modificato in presenza di patologie organiche o in seguito a traumi, fisici o psicologici.

    Trattamento indicato in presenza delle seguenti patologie:

    • emicrania, cefalea, sinusite, disturbi della vista
    • nevralgia facciale e del trigemino, paralisi di Bell
    • dolori e disturbi all’articolazione temporo-mandibolare
    • malocclusione dentale, riniti, sinusiti, acufeni
    • approccio specifico nel settore neonatale

    Contattaci per fissare un appuntamento

    Tel.  (+39) 338 5702540

    Osteopata laurea

    L’Osteopatia ha di recente ottenuto il riconoscimento come professione sanitaria anche in Italia, come riportato nel link sottostante.

    Non essendo ancora stata istituita una formazione specifica di tipo universitario è consigliabile accertarsi che:

    • sia laureato in ambito medico-sanitario
    • abbia seguito un corso part-time di 6 anni o full-time di almeno 5 anni (con minimo di 1.800 ore di apprendimento annuale)
    • abbia svolto un tirocinio clinico e superato gli esami annuali e quello finale del percorso formativo, conseguendo il Diploma di Osteopatia (D.O.)
    • abbia conseguito la Laurea in Fisioterpia o Diploma Equipollente 

    Il predetto percorso di studi e formazione professionale, pone gli osteopati professionisti Italiani in linea con gli standard Europei.

    Quando si ha bisogno di un osteopata 

    Per mantenere un buono stato di salute, è necessaria l’integrità del nostro sistema di regolazione neuro-ormonale, così come anche quella del nostro sistema di sostegno muscolo-scheletrico, così da conservare la libertà di movimento di tutti i nostri tessuti.

    Era il 22 giugno del 1874, ed Andrew Taylor Still annunciò al mondo la nascita dell’Osteopatia, fortemente determinato a divulgare il più possibile i principi della sua nuova filosofia.
    La sua reputazione di medico osteopata superò rapidamente le frontiere del Missouri e il 1° novembre del 1892 fu istituita a Kirksville (Missouri, USA) la prima scuola al mondo di osteopatia, l’American School of Osteopathy (ASO), tutt’oggi esistente.
    La scuola avrebbe inoltre potuto consegnare ai suoi studenti il diploma in Dottore in medicina (M.D.), poiché alla fine del 18° secolo negli Stati Uniti l’insegnamento della medicina avveniva unicamente in scuole private. Tuttavia Still preferì dar loro un diploma in Osteopatia (D.O.), un titolo specifico che voleva marcare ancor di più la differenza esistente tra la medicina classica e l’osteopatia.

    I tre principi cardine su cui il Dott. Still ha fondato la medicina osteopatica sono:

    L’essere umano è un’unità dinamica

    di funzioni dove, la perfezione di ogni funzione è legata alla perfezione della struttura portante. Quando questo equilibrio viene alterato si è in presenza di una disfunzione osteopatica. Pertanto, l’organismo reagirà a tale disequilibrio creando zone di compenso e adattamenti corporei non favorevoli al benessere generale dell’organismo. 

    Il corpo possiede dei meccanismi di autoregolazione e autoguarigione.

    È il movimento che permette ai liquidi che irrorano e drenano/depurano i nostri tessuti e le nostre cellule, di rinnovarsi. È quindi fondamentale che il sangue, la linfa e tutti gli altri liquidi dell’organismo, che trasportano sostanze nutritive e scarti, circolino liberamente. Ed è grazie ad un buon metabolismo tessutale che l’organismo riesce ad attuare tutta una serie di risposte (risposta immunitaria ad aggressioni batterico-virali, processi di riparazione tissutale post-traumatici, ecc…) che gli consentono di espletare al meglio la propria capacità di autoguarigione.

    La struttura e la funzione

    sono reciprocamente inter-correlate. Tutte le parti del corpo sono legate tra loro. Questi “legami” sono gestiti tramite centri nervosi che si trovano in stretta relazione con la colonna vertebrale e nel sistema nervoso centrale. L’osteopata si propone dunque di facilitare questi processi di auto-regolazione, riequilibrando le articolazioni, i muscoli, i legamenti… in modo che tutti i “liquidi” circolino normalmente, dedicando particolare attenzione alla colonna vertebrale, il pilastro della nostro scheletro, nonché una sorta di canale che accoglie e protegge i centri nervosi di comando.

    L’osteopata interviene su pazienti di ogni età. Esaminiamo nello specifico quali sono i vantaggi che l’osteopatia può portare in ogni fascia d’età e periodo particolare della vita.

    Osteopatia per neonati

    Per i bebè, è consigliata una visita dall’osteopata, esattamente come si effettuano altre visite mediche specialistiche.

    L’osteopatia pediatrica si avvale di  una tecnica non dolorose e non invasive. L’osteopata esercita piccole e delicate pressioni in punti specifici della testa, della colonna vertebrale e su tutto il resto del corpo del bebè, in relazione alle specifiche necessità del singolo neonato, al fine di ottenere un totale recupero fisiologico delle strutture.

    L’osteopata per i neonati è utile nei seguenti casi:

    • Coliche addominali o pianto eccessivo
    • Rigurgito / Reflusso Gastro-Esofageo
    • Difficoltà a poppare e nutrirsi
    • Torcicollo congenito 
    • Piede torto congenito
    • Plagiocefalia, testa piatta o molto allungata, presenza di bozze asimmetriche che conferiscono al cranio una forma anomala (importante agire entro il 6° mese di vita e.u.)
    • Difficoltà nel controllo del capo e nel mantenimento della posizione a pancia in giù 
    • Ritardo nelle tappe dello sviluppo Neuro-Motorio
    • Eccessiva produzione di muco
    • Iperattività del neonato
    osteopatia-neonatale

    Scopri di più sull’osteopatia pediatrica >>

    Osteopatia in età scolare

    Di tutte le fasi del nostro sviluppo, il più importante è quello che dalla nascita porta all’età scolare. È proprio in questo periodo, infatti, che matura la maggior parte dei sistemi dell’organismo, dagli organi di senso al sistema immunitario. E vengono poste le basi del futuro sviluppo posturale. Proprio per questo è di fondamentale importanza una valutazione osteopatica del bambino, particolarmente utile soprattutto nei casi di:

    • Sinusite e problemi delle alte vie respiratorie
    • Otiti ricorrenti
    • Mal di testa
    • Asimmetrie Cranio-Facciali
    • Occlusioni dentali errate
    • Disturbi del sonno
    • Ritardo di sviluppo psico-motorio
    • Ritardo nella parola / Problemi di apprendimento
    • Asma / Broncospasmo / Allergie
    • Problemi posturali / Piede Piatto / Scoliosi
    • Dolori associati alla crescita
    osteopatia-età-scolare

    Osteopatia in pubertà

    La pubertà è il periodo dei cambiamenti fisici attraverso i quali il corpo di un bambino diviene un corpo adulto. Durante questa fase, l’apparato ormonale riveste un ruolo fondamentale. 

    In questo periodo si possono evidenziare:

    • Dismorfismi posturali, scoliosi, dorso curvo
    • Accentuazioni di curva della colonna vertebrale (ipercifosi o iperlordosi)

    Inoltre, si possono rafforzare eventuali problemi di natura:

    • Podologica (piede piatto o piede cavo)
    • Gnatologica (malocclusione dentale, deglutizione atipica, iposviluppo scheletrico del mascellare superiore, il cosiddetto “palato stretto”)
    • Visiva (disturbi di convergenza oculare)

    Per tutto quanto appena detto, anche durante la fase della pubertà, la visita dall’osteopata è molto importante. A seconda delle problematiche da trattare, lo specialista valuta il piano di cura più indicato in stretta e costante collaborazione con altri medici specialisti.

    osteopatia-pubertà

    Osteopatia in gravidanza

    L’osteopatia durante la gravidanza può essere un buon sostegno sia per la mamma che per il nascituro e sarebbe ottimale valutare di sottoporsi ad un percorso di cura osteopatico ancor prima di iniziare un percorso così importante come quello di affrontare una maternità.
    Ottimizzare le funzioni dell’organismo materno, infatti, favorisce i processi di normale sviluppo embrionale, per poter così giungere al momento del parto in una situazione di buon funzionamento dell’apparato muscolo-scheletrico. Ciò, da un lato offre la possibilità di vivere meglio questo momento così delicato ed importante della vita di una donna; dall’altro lato, favorisce la fase espulsiva del parto, permettendo al bebè di affrontare una nascita meno traumatica. 

    Durante il periodo della gravidanza, l’osteopatia può essere una valida sostituzione della terapia farmacologica, dal momento che numerosi farmaci sono controindicati per le future mamme. In particolare, l’osteopatia è consigliata nei seguenti casi:

      • Disturbi di origine meccanica: lombalgie, sciatalgie, dorsalgie, cervicalgie, dolori legamentosi (nel bacino o sui fianchi)
      • Disturbi gastrici
      • Costipazione
      • Mal di testa
      • Senso di gambe pesanti

    Dopo il parto, il trattamento osteopatico è utile per ripristinare l’equilibrio della colonna e del bacino della mamma.

    osteopatia-gravidanza

    Osteopatia in età adulta

    Ogni giorno siamo sottoposti a stress psico-fisico. Le cause sono tante e delle più svariate: ritmi di vita stressanti, orari di lavoro estenuanti, grandi responsabilità, postazioni di lavoro di bassa qualità ergonomica, sforzi ripetuti, manovra di mezzi pesanti, uso di utensili particolarmente pesanti… 

    Tutte le condizioni appena elencate, creano conseguenze sul nostro corpo, per le quali il trattamento osteopatico è particolarmente indicato. Nello specifico:

    • Contratture muscolari
    • Emicrania muscolo-tensiva
    • Dolore cervicale
    • Disturbi della sfera maxillo-facciale (bruxismo, piorrea, patologia gengivale da sovraccarico, abrasione e frattura dentale)
    • Ernia discale, lombalgia, sciatalgia, cervicalgia
    • Dolori articolari generalizzati, parestesie, difficoltà respiratorie
    • Disturbi a carico del sistema gastro-intestinale e viscerale (gastrite, pirosi gastrica, colite, ulcera gastrica e duodenale, prostatite, vaginismo)
    • Disfunzioni a livello vascolare (sindrome delle gambe stanche, linfedema degli arti inferiori, ipertensione arteriosa)

    Oltre alle tecniche manipolative più conosciute, l’osteopata utilizza anche tecniche specifiche coadiuvanti delle terapie tradizionali per la cura delle forme di Distress Psico-Fisico ed Emozionale.

    Dopo la terapia praticata con l’osteopata, e sotto la sua costante supervisione, il fisioterapista, agevola la funzionalità generale del corpo mediante tecniche che agiscono sulla respirazione e la postura (R.P.G.), sulla stabilizzazione muscolare della schiena e del tronco e sull’equilibrio (R.M.I.)

    osteopatia-adulti

    Osteopatia per gli sportivi

    Il trattamento osteopatico è un valido strumento nella prevenzione del trauma sportivo. L’equilibrio ottimale della struttura muscolo-scheletrica, consente infatti all’atleta di evitare che i sovraccarichi dovuti all’attività sportiva, dal gesto atletico ripetuto e ai numerosi allenamenti settimanali, si concentrino solo in alcune zone del corpo, danneggiandole.

    Prevenire la patologia equivale quindi a garantire una fluida evoluzione della preparazione atletica, nell’ottica di una costante progressione di crescita delle proprie capacità sportive e un conseguente incremento delle performance personali e dell’intera squadra.

    In caso di trauma già verificato, l’osteopata, in sinergia con lo staff dei fisioterapisti e con le moderne attrezzature per la riabilitazione antalgica e propriocettiva di Studio Miliacca, può intervenire per alleviare in tempi rapidi la sintomatologia dolorosa, riducendo notevolmente i tempi di recupero e di guarigione.

    Alcune indicazioni per l’osteopatia per gli sportivi:

    • Tenosinoviti – tendiniti-borsiti
    • Strappi muscolari – epicondilite (“gomito del tennista”)
    • Distorsioni di caviglia e ginocchio – lesione del legamento crociato – lesioni meniscali
    • Lussazione di spalla – lesione della cuffia dei rotatori – slap lesion
    osteopatia-sportivi

    Osteopatia per la Terza Età

    Utilizzando di manovre specifiche, non dolorose e particolarmente delicate, l’osteopatia si rivela molto efficace per i disturbi muscolo-scheletrici della terza età, anche in presenza di patologie degenerative come l’osteoporosi e l’osteopenia.

    L’integrazione al trattamento osteopatico con le tecniche di fisioterapia consente di ottenere risultati ancora più stabili e duraturi. In particolare, l’apparecchio Hunova consente inoltre di effettuare un importante test predittivo nell’ambito della prevenzione rischio cadute, grazie al quale il terapista può impostare in modo preciso e mirato il piano di rieducazione più indicato per ogni singolo paziente, personalizzando il percorso di cura e potendone verificare gli effetti grazie ad un preciso e dettagliato report che confronta i dati sull’equilibrio e il controllo posturale ad inizio e fine percorso riabilitativo.  

    L’osteopatia geriatrica si rivela utile e necessaria nelle seguenti condizioni:

    • Disturbi posturali 
    • Turbe dell’equilibrio e della coordinazione
    • Alterazioni cognitive
    • Scoliosi
    • Ipercifosi
    • Artrosi e discoartrosi
    • Patologia degenerativa discale
    • Alluce valgo
    • Rizoartrosi
    • Gonalgie
    • Coxartrosi
    • Mal di schiena
    • Cervicalgia
    • Cervicobrachialgia
    • Periartrite di spalla
    • Prolasso Uterino
    • Incontinenza fecale e urinaria 
    • Turbe dell’erezione

    Lo Studio Miliacca garantisce inoltre i servizi di Riabilitazione Domiciliare e di Riabilitazione Neurologica.

    osteopatia-terza-età

    Contattaci per fissare un appuntamento

    Tel.  (+39) 338 5702540

    Open chat
    Ciao!
    Come possiamo aiutarti?
    Call Now Button